02/10/2018

Vendemmia 2018: intervista a Ermi Bagni

In occasione di Gusti.A.Mo18, il direttore del Consorzio ha parlato della vendemmia del lambrusco.

Il 2018 segnerà una vendemmia buona in termini quantitativi e qualitativi. Lo ha raccontato Ermi Bagni, direttore dei Consorzi dei Lambruschi Modenesi durante il press tour di Gusti.A.Mo18. “L’anno scorso c’è stato un calo quantitativo del 23%, in zone di collina dove c’era più difficoltà a reperire l’acqua di soccorso abbiamo registrato addirittura un calo del 40/42%.”

Quest’anno invece c’è stato un lieve incremento rispetto ai livelli del 2016, con poche zone circoscritte che hanno presentato alcune criticità per via dello shock subito dalla pianta.

“Modena va a braccetto con il Lambrusco – ha continuato il direttore – La Doc qui ha determinato uno sviluppo socioeconomico legato alla coltivazione di queste uve, creando un sistema economico fatto di cantine sociali, vitivinicole e aziende di imbottigliamento molto importanti.”

Sono 37 le cantine consorziate, con una superficie vitata di 6.458 ettari. Una produzione di 32 milioni di bottiglie l’anno di Lambrusco Doc, a cui se ne aggiungono 130 milioni di Lambrusco Igt che ha determinato un boom dell’export soprattutto negli Stati Uniti, in Messico e in Brasile.

vendemmia.2